Sono una margherita in un prato di rose.
Sono piccola.
Sono invisibile, e a volte troppo visibile.
Sono meno profumata.
Sono più vulnerabile, non ho le spine.
Sono più debole.
Sono più delicata.
Molti mi staccano i petali, la parte più bella di me, e tirano fuori la parte timida e spesso ridicola.
Appassisco subito. Dell'acqua non basta a farmi rifiorire, e a volte neanche l'amore.
Sono banale.
Ma nella mia semplicità, ho infiniti petali e un grande cuore, giallo e pieno pensieri.
Ho un gambo sottile, molto fragile, ma è l'unica cosa che mi sorregge.
Sono diversa, ma non meno importante.